Vai ai contenuti
Istituto Erminio Meschini
Istituto Meschini: la nostra storia
L'Istituto Meschini da oltre cento anni rappresenta un punto di riferimento per tutti coloro che desiderano il recupero degli anni scolastici e il conseguimento di un diploma: sono migliaia le persone che sinora si sono preparate e hanno raggiunto i loro obiettivi con l'aiuto dell'Istituto Meschini.
Istituto Meschini: la Storia
INVIA LA RICHIESTA GRATUITA DI INFORMAZIONI,
SENZA IMPEGNO!







In relazione all'informativa e alla richiesta di consenso Art.13 d.lgs.196/03 e dell’Art. 14 del Regolamento (UE) 2016/679 che dichiaro di aver letto

ACCONSENTO al trattamento dei dati personali
Il Prof. Erminio Meschini nacque a Roma il 19 giugno 1880. Nel 1904 fondò Istituto Meschini a Roma.
Nel 1906 creò il rinomato metodo di stenografia pubblicando la prima edizione della Stenografia Italiana "Sistema Meschini" che negli anni a venire fu da egli stesso aggiornata costantemente.
Nel 1935 il contributo che il Prof. Meschini offrì al sapere professionale raggiunse il suo culmine con l'adozione del omonimo metodo da parte dell'Istruzione Pubblica per l'insegnamento della stenografia in tutte le scuole d'Italia.
Dal 1951 l'Istituto Meschini ha contribuito all'informatizzazione, di base e specialistica, delle persone che desideravano un inserimento lavorativo, preparandoli al conseguimento delle più importanti certificazioni nell'uso del computer: Operatori su Terminale Video, Programmatori, Patente Europea del Computer, Operatori di Videoscrittura Veloce (300 battute al minuto) con metodo "tastiera cieca" ancora oggi importantissimo sistema che distingue, in chi lo sa praticare, delle competenze utilissime e rare in ufficio.




L'Istituto Meschini non sostituisce e non si contrappone alla scuola pubblica in alcun modo, anzi l'Istituto Meschini riveste un ruolo integrativo, poichè restituisce all'istruzione pubblica, scuole e università molti studenti, che proseguiranno gli studi con i loro mezzi, perfettamente recuperati e senza alcun costo per la collettività.






Torna ai contenuti